Le spiagge più belle

Se c’è una caratteristica che ha reso la Thailandia una delle mete turistiche più famose e gettonate a livello internazionale questa è la sua costa paradisiaca, fatta di spiagge incantate, mare cristallino, baie nascoste e magiche e, soprattutto, di piccoli atolli incontaminati dove è possibile godere di scenari naturali unici al mondo.

Se siete diretti in Thailandia per rilassarvi e per godere del caldo e benefico sole che bacia il Paese durante tutto l’anno, ecco qualche consiglio su quali località balneari scegliere e su quali spiagge visitare.

Per quanto riguarda le spiagge, la scelta in Thailandia è davvero ampia, data l’altissima concentrazione di luoghi affascinanti e meritevoli di una visita nel Paese. Tra le più belle vi consigliamo senza dubbio Ko Similan, a circa un centinaio di km dalla famosa Phuket. La ricchezza faunistica delle acque delle Similan Islands le rende anche il luogo più adatto per le immersioni e, soprattutto, per lo snorkeling.

Similan Island

Foto CC BY-SA di Mathias Krumbholz

Altra meta da inserire nel proprio itinerario è Ao Makham che, oltre ad offrire una costa mozzafiato, vi darà la possibilità di visitare l’acquario di Phuket, nelle sue immediate vicinanze. Qui potrete conoscere ed apprezzare dal vivo la fauna marina della Thailandia, particolarmente interessante se siete in vacanza con i vostri bimbi.

Se il vostro scopo è quello di fare un tuffo refrigerante nel mare cristallino thailandese e di oziare al sole, magari sorseggiando un drink dissentante, optate per Ko Phi Phi, raggiungibile via mare grazie alle barche a motore turistiche e famosa per essere stata scelta come set del film “The Beach”, con Leonardo Di Caprio.

La maggior parte delle località balneari più belle e conosciute viene letteralmente presa d’assalto dai turisti stranieri, cosa, questa, che può rovinare l’atmosfera e far sparire la magia di questi luoghi. Per chi vuole prendere il sole e nuotare in luoghi più appartati, silenziosi e romantici, le opzioni non mancano. Il primo consiglio è Ao Nai Ton, una bellissima spiaggia frequentata dai thailandesi e poco nota al turismo di massa. Lo stesso vale per Ao Laiyang, Ao Bang Tao e Ao Phansi.

Chi ama il relax e la tranquillità può optare per Bottle Beach a Koh Phangan.
Un po ‘difficile da raggiungere, questa spiaggia è tra le migliori spiagge di Koh Phangan. E ‘ molto isolata ed è quindi anche una delle spiagge più tranquille dell’isola. L’acqua è cristallina, pulitissima, piatta. E’ sufficiente portarsi un asciugamano, sedersi, leggere un libro e rilassarsi.
La posizione

Koh Phangan è un’isola situata nel golfo di Thailandia a nord della più popolare Ko Samui. Bottle Beach è una spiaggia piuttosto piccola situata in una piccola insenatura all’estremità nord dell’isola. Koh Phangan è probabilmente più conosciuta per la festa della luna piena. La buona notizia è che la festa semmai è sull’altro lato dell’isola e non interesserà dunque la vostra visita a Bottle Beach. Questo è il  essere il posto giusto per rilassarsi.

Bottle Beach è nata per il relax. E ‘il luogo che si sogna quando ci si immagina di allontanarsi da tutto e da tutti. Il paradiso terrestre. La spiaggia è bellissima e il lussureggiante scenario tropicale è spettacolare, con l’acqua generalmente molto calma. Durante il giorno si può incontrare qualche gruppo di escursionisti, ma la mattina presto e la sera tardi ci si trova spesso soli. Ci sono solo poche opzioni di alloggio, se si vuole rimanere in zona idem per i ristoranti.

Come arrivare

C’è un piccolo aeroporto sull’isola, oppure il traghetto. I traghetti arrivano da numerose località tra cui Koh Samui (30 minuti di corsa), Surat Thani (3,5-7 ore a seconda del vettore) e Ko Tao (da 1,25 a 3 ore).

Una volta sull’isola il modo migliore per raggiungere la spiaggia in è di taxi boat. A seconda di dove si arriva sull’isola l’opzione più economica sarà quello di prendere un taxi e poi saltare su un taxi boat per raggiungere la spiaggia. Un’altra opzione se si arriva in Haad Rin Port è quella di prendere un taxi d’acqua da lì alla spiaggia direttamente. E ‘più costoso ma il giro è spettacolare.

Cose da fare nella zona

Questa spiaggia è piuttosto fuori mano, quindi non c’è molto da fare oltre che godersi la spiaggia. Ci sono un paio di opzioni di alloggio. Vengono organizzate numerose gite in barca per andare in giro per l’isola (in genere si arriva ad altre spiagge). Nell’entroterra ci cascate relativamente vicine (Paradise e Than Phawet), che è possibile raggiungere a piedi (la camminata è piuttosto difficile) o in taxi d’acqua.
Surfing

La maggior parte del tempo l’acqua è liscia come un lago. Durante la stagione dei monsoni le onde diventano un po ‘più grandi. Se siete interessati a praticare surf potete farlo sul lato occidentale dell’isola ma giusto se siete principianti. Altrimenti, Se siete alla ricerca di una vacanza durante la quale praticare surf provate la costa occidentale in zone come Phuket.

Nuoto

Questa è invece la spiaggia ideale per nuotare. Ci sono di solito poche onde e la profondità dell’acqua degrada dolcemente dalla spiaggia. La temperatura dell’acqua durante i mesi più caldi è abbastanza alta. L’acqua è pulita e si possono vedere i fondali.

E poi ci sono le spiagge esclusive.

spiagge thailandia

spiagge thailandia

Foto CC BY di Dan Taylor

In Thailandia, ci sono tre categorie principali di spiaggia che si dovrebbero prendere in considerazione prima di prenotare la vostra prossima vacanza in questo paradiso.

La prima categoria include le spiagge belle, appartate e convenienti. La seconda categoria è quella che ha alberghi non troppo conventienti ma che si trova è vicino alle zone più economiche. La terza categoria riguarda le zone isolate.

Kata e Karon Beach, Phuket

Ci sono così tante spiagge tra cui scegliere a Phuket, che decidere quale è quella giusta è davvero difficile. E’ possibile rimanere vicino alla spiaggia sovraffollata e festosa di Patong o cercare rifugio in una posizione più tranquilla nelle vicinanze. Per coloro che desiderano un po ‘di pace lontano dalla vita notturna, ma hanno ancora voglia di godere della bellezza per la quale Phuket è conosciuta, le spiagge di Kata e Karon offrono una tranquilla alternativa con paesaggi mozzafiato e acque cristalline.

Sairee Beach, Koh Tao

Sairee Beach in Koh Tao è la spiaggia principale di un piccolo paradiso subacqueo che collega un gran numero di villaggi turistici, alberghi economici dell’isola e ostelli. Qeusto è il posto perfetto per chi ama le immersioni. Sairee Beach è oggettivamente bellissima e vanta tramonti mozzafiato, palme incredibili e una marea che consuma la spiaggia quando è alta e si allontata per centinaia di metri quando è bassa.

Penisola di Railay

In termini di migliori spiagge del mondo, la penisola di Railay è spesso considerata come uno dei miglio riposti. Si compone di tre spiagge, non ci sono automobili, solo una manciata di villaggi e paesaggi mozzafiato. Per stare sulla più splendida spiaggia si dovranno sborsare un bel pò di soldi a notte ma nelle vicinanze si trovano molte località dalle quali si può raggiungere la spiaggia a piedi. Inoltre questa regione è un paradiso per gli scalatori di roccia.

Pranang Cave Beach, Railay

Pranang Cave Beach è e il gioiello della penisola di Railay. Con vette mozzafiato, formazioni sporgenti ed una posizione perfetta sulla costa occidentale per godersi il tramonto. L’unico resort situato su questa spiaggia è il Rayavadee, un albergo di fama mondiale.

spiagge thailandia

spiagge thailandia

Foto CC BY-SA di Samoano

Ko Nang Yuan, vicino a Koh Tao

Al largo della costa di Koh Tao si trova una piccola isola che ha una caratteristica unica al mondo. Non è la forma unica della striscia di sabbia ma piuttosto ciò che durante la giornata. Con l’aumento e l’abbassamento della marea, si può letteralmente vedere la spiaggia svanire nel corso della giornata.

Sunrise e Sunset Beach, Koh Lipe

Koh Lipe è un altro paradiso della Thailandia che sfoggia acque cristalline incomparabili.
Anche se ci vuole un bel po ‘di viaggio per arrivarci, vale la pena andarci anche per il parco marino circostante.

Offerte